Repertorio Salute

repertorio salute OPRAS organismo paritetico ambiente e sicurezza

ITALIA, EUROPA, MONDO

Amazon: il monitoraggio sulla produttività e le ricadute sulla salute dei lavoratori

Nel 2021, UNI Global Union ha pubblicato il suo rapporto su “The Amazon panopticon”, descrivendo in dettaglio l’elaborato sistema di sorveglianza che Amazon utilizza per monitorare i propri dipendenti a tutti i livelli delle attività aziendali, usando le telecamere nei magazzini, le App per il monitoraggio GPS, i  campanelli installati sulle porte.

Flussi: pubblicato il Decreto per l’ingresso dei lavoratori stranieri in Italia

fonte: Ministero del Lavoro È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 21 del 26 gennaio 2023, il DPCM del 29 dicembre 2022 (c.d. Decreto flussi) con cui sono state fissate le quote dei lavoratori stranieri che possono fare ingresso in Italia per lavorare. Il nuovo Decreto fissa una quota massima di ingressi pari a 82.705 unità, 44.000 delle quali riservate …

Flussi: pubblicato il Decreto per l’ingresso dei lavoratori stranieri in Italia Leggi altro »

La qualità del lavoro è fondamentale per affrontare le sfide del posto di lavoro e della società di oggi

Per cominciare, cosa rende un lavoro un buon lavoro? La retribuzione, le condizioni di lavoro, l’autonomia, la flessibilità e le ricompense intrinseche giocano tutti un ruolo. Ma contano anche le interdipendenze dei vari elementi.

Il rumore è ancora un rischio?

Secondo l’Istituto nazionale spagnolo per la sicurezza e la salute sul lavoro (INSST) sembra proprio di sì. L’Istituto pertanto, nell’ambito delle proprie attribuzioni e competenze, ha predisposto e attuato l’aggiornamento di una Guida tecnica sul rumore, nel rispetto di quanto stabilito dal Regio Decreto 286/2006, sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori contro …

Il rumore è ancora un rischio? Leggi altro »

OIRA: un nuovo strumento “generico” per la valutazione del rischio

Il programma OiRA, messo a punto dall’Agenzia europea per la salute e la sicurezza, ha raggiunto la significativa quota di 326 strumenti settoriali (di cui 60 in fase di sviluppo). Il contributo a supporto delle micro e piccole imprese, per la valutazione e gestione dei rischi, si è arricchito in questo ultimo mese di un …

OIRA: un nuovo strumento “generico” per la valutazione del rischio Leggi altro »

I sistemi di monitoraggio digitale possono ridefinire la sicurezza e la salute dei lavoratori?

fonte: Eu-Osha Il ricorso a sistemi di monitoraggio digitale ai fini della salute e della sicurezza sul lavoro (SSL), quali applicazioni, telecamere e dispositivi indossabili, può rendere i luoghi di lavoro più sicuri. Indipendentemente dal fatto che siano usati a fine proattivo (di prevenzione) o reattivo (di mitigazione), il buon funzionamento di tali sistemi dipende …

I sistemi di monitoraggio digitale possono ridefinire la sicurezza e la salute dei lavoratori? Leggi altro »

Termina la campagna «Alleggeriamo il carico!»

È già in programmazione la prossima campagna per gli anni 2023-2025: «Lavoro sano e sicuro nell’era digitale», che metterà l’accento sull’impatto della digitalizzazione sul lavoro e sui luoghi di lavoro nonché sulle sfide e sulle opportunità associate in tema di salute e sicurezza sul lavoro (SSL).

Zoonosi e focolai infettivi di origine alimentare in aumento, benché ancora inferiori ai livelli pre-pandemia

fonte: Efsa Rispetto all’anno precedente, nel 2021 si è registrato un incremento generale delle segnalazioni relative a malattie zoonotiche e focolai infettivi di origine alimentare, che tuttavia sono rimaste decisamente al di sotto di quelle relative agli anni precedenti la pandemia. È quanto emerge dall’ultimo rapporto annuale sulle zoonosi «One Health» dell’UE pubblicato dall’EFSA e dall’ECDC. Il decremento …

Zoonosi e focolai infettivi di origine alimentare in aumento, benché ancora inferiori ai livelli pre-pandemia Leggi altro »

Come la tecnologia digitale sta ridisegnando l’arte della gestione

I cambiamenti nel mondo del lavoro indotti dalle Tecnologie della comunicazione e della informazione (Ict) sono, come sappiamo, oggetto di una vorticosa applicazione con cui le pur numerose indagini condotte a livello comunitario, in particolare dall’Agenzia europea per la salute e la sicurezza, sembrano talvolta non riuscire a stare al passo.