Repertorio Salute

repertorio salute OPRAS organismo paritetico ambiente e sicurezza

INAIL

Salute e sostanze chimiche reprotossiche, in un factsheet INAIL l’analisi del rischio

La pubblicazione curata dal Dimeila riepiloga i principali agenti chimici frequentemente adoperati negli ambienti di lavoro e potenzialmente nocivi per la capacità riproduttiva, indicando le misure possibili di prevenzione. Che incidenza possono avere sulla fertilità umana alcune sostanze chimiche utilizzate negli ambienti lavorativi? Dove sono maggiormente rintracciabili? E quali azioni di prevenzione possono essere messe …

Salute e sostanze chimiche reprotossiche, in un factsheet INAIL l’analisi del rischio Leggi altro »

Calciatrici professioniste di serie A: tutela assicurativa

fonte: INAIL Dal 1° luglio 2022 l’assicurazione obbligatoria comprende le calciatrici professioniste tesserate a società partecipanti al campionato di serie A femminile. Il Consiglio Federale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.) ha introdotto il “professionismo sportivo” nel calcio femminile relativamente al campionato di serie A, a far data dalla stagione sportiva 2022/2023, e ha precisato …

Calciatrici professioniste di serie A: tutela assicurativa Leggi altro »

Morti sul lavoro: un preoccupante aumento

Abbiamo scelto di riprendere la pubblicazione degli articoli, dopo la pausa estiva, affrontando nuovamente il tema degli infortuni mortali: lo impongono i dati, oltre ad una diffusa disattenzione anche indotta dalla priorità che hanno assunto, ormai da alcuni anni, i temi della digitalizzazione, delle tecnologie della informazione e della comunicazione, dell’intelligenza artificiale. Nonostante il decantato …

Morti sul lavoro: un preoccupante aumento Leggi altro »

Amianto, pubblicata la norma Uni 11870:2022 per il censimento negli edifici, nelle macchine e negli impianti

Fortemente sollecitata anche dall’INAIL, alla sua elaborazione hanno partecipato i professionisti della Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione (Contarp) dell’Istituto, che ha coordinato il gruppo tecnico di lavoro, insieme ai ricercatori del Dipartimento innovazioni tecnologiche (Dit).