Repertorio Salute

repertorio salute OPRAS organismo paritetico ambiente e sicurezza

Rassegna Internazionale del 17.04.2022, n. 2

a cura di Gabriella Galli, con la collaborazione di Yann Maurelli

Rassegna internazionale mensile che fa riferimento a quattro fonti autorevoli, a carattere nazionale,  scelte per la qualità e l’accessibilità dell’informazione anche dal punto di vista della lingua:

INRS – Sito dell’Inrs l’Istituto francese per la  salute e sicurezza
HSE –  Sito dell’Hse l’Istituto inglese per la salute e sicurezza
INSST – Sito dell’Insst, l’Istituto nazionale Spagnolo per la salute e sicurezza
Niosh – Sito dell’organismo nazionale statunitense per la salute e la sicurezza sul lavoro.

logo INRS fr
NIOSH logo

Flessibilità lavorativa e benessere dei lavoratori: evidenze  dagli Stati Uniti

La ricerca – realizzata da Tapas Ray,  economista nel Niosh Economic Research e da Rene Pana-Cryan, capo economista e direttore del Niosh Economic Research –  è stata postata l’ 11 marzo scorso sul Science Blog di Niosh.

Tema della ricerca la flessibilità del lavoro  che, secondo i ricercatori, “può avere conseguenze positive e negative per i lavoratori e le loro famiglie, i datori di lavoro e la società in generale.  Dai lavoratori è sempre più riconosciuto come determinante essenziale del loro benessere. I lavoratori cercano flessibilità per soddisfare le loro esigenze personali e familiari, compresi l’assistenza all’infanzia, l’assistenza agli anziani, la scuola e l’assistenza sanitaria. La flessibilità in termini di sede e orario di lavoro dà ai lavoratori un senso di controllo sul lavoro e aumenta la loro soddisfazione sul lavoro, migliorando così la loro salute e il loro benessere.  Alcuni dei conflitti lavoro-famiglia associati al lavoro contingente (lavori che non ci si aspetta durino a lungo) possono essere alleviati dai vantaggi della flessibilità dell’orario di lavoro. La flessibilità del lavoro può soddisfare le esigenze di molti lavoratori, come i lavoratori anziani e le donne che sono entrate nel mondo del lavoro in gran numero… Tuttavia, non tutte le conseguenze della flessibilità sono positive.”

La ricerca: alcuni elementi di rilievo
  • La percentuale più alta di lavoratori che hanno dichiarato di lavorare a casa è nell’agricoltura, nella silvicoltura e nella pesca, seguiti dai servizi.
  • I lavoratori indipendenti hanno riportato le percentuali più elevate per tutti gli indicatori di flessibilità.
  • I lavoratori a chiamata avevano una maggiore flessibilità per modificare i loro orari, ma una minore flessibilità nel  lavoro rispetto a quelli con accordi standard.
  • Coloro che lavoravano per le agenzie di aiuto temporaneo avevano la flessibilità più bassa nel lavorare a casa, prendersi una pausa e cambiare il proprio programma.
  • Il lavoro a casa ha aumentato la probabilità di stress lavorativo del 26% e la soddisfazione sul lavoro del 67%. Sebbene questa scoperta possa sembrare controintuitiva, altri studi hanno anche dimostrato che la flessibilità del lavoro può promuovere l’equilibrio tra lavoro e famiglia e, a sua volta, la soddisfazione sul lavoro, ma può anche intensificare il conflitto tra lavoro e famiglia offuscando la divisione tra domini di lavoro e di non lavoro .
  • Prendersi una pausa ha ridotto del 59% la probabilità di stress lavorativo, del 22% i giorni con attività ridotta e più che raddoppiato la probabilità di soddisfazione sul lavoro.
  • Cambiare il proprio programma ha ridotto la probabilità di stress lavorativo del 20% e ha aumentato la probabilità di soddisfazione sul lavoro del 60%.

Gli aspetti economici della salute e del benessere generale dei lavoratori, insieme agli aspetti fisici, psicologici e sociali, sono un obiettivo fondamentale del  programma Niosh Healthy Work Design and Well-being. In futuro si prevede che la flessibilità del lavoro contribuirà in modo sempre più significativo al benessere dei lavoratori.

visita la pagina